Friulano – Annata 2016 “Vini La Magnolia”

Amici, ecco a voi l’ennesima perla della mia cantina trevigiana.

In questo frangente andiamo a pescare in Friuli Venezia Giulia e per la precisione nella zona che tutti noi conosciamo come il Collio per farvi conoscere questo Friulano (Non è più Tocai ricordatevi) prodotto da un’interessante azienda sita in zona Spessa di Cividiale.

Di primo impatto si presenta con un bel colore giallo paglierino pieno con qualche riflesso più carico se incliniamo il bicchiere.

Brillante e con una buona intensità cromatica si presenta con una più che discreta consistenza visto che le lacrime create dal movimento ondulatorio del bicchiere scivolano con la dovuta calma. Segnale, questo, che potremmo trovarci di fronte ad un vino che sa il fatto suo.

Questa prima impressione viene confermata subito al naso: buona intensità, discreta ampiezza e persistenza al palato.   

La mandorla si sente sia al naso che al palato, ma si percepiscono in maniera chiara anche aromi floreali di fiori bianchi (ginestra, biancospino) e mela verde che non guasta mai.

Colpisce le narici in maniera efficace e con buona intensità, ed anche in questo frangente la mandorla viene fuori. Abbastanza complesso.

 Secco, fresco e caldo e con un buona salivazione prodotta.

Buona persistenza in bocca con una spiccata nota amarognola che si sente sulla base della lingua in maniera distinta e chiara. La freschezza si sente e questo mi porta a definirlo abbastanza equilibrato ma pronto perché a mio avviso deve essere consumato entro l’anno. Un friulano lavorato in acciaio è proprio cosi: tipico.

Alcolico il giusto che scalda il palato senza stufare però non è beverino perché richiede attenzione.

Al prossimo bicchiere dal vostro Gulliver.